Category: Comunicati

Fima News | La Fima al Salone del libro di Torino con i #librigreen 2018

Salone del libro di Torino 2018

 

Al Salone Internazionale del Libro di Torino sbarca la sostenibilità con i #LibriGreen di FIMA

 

Dieci incontri intorno ad altrettanti volumi fra narrativa, divulgazione scientifica e innovazione della filiera editoriale.

Dal 10 al 14 maggio, (Padiglione n. 3, S12 / T11), ore 12.00
in collaborazione con l’Alleanza delle cooperative italiane di comunicazione

Il Salone Internazionale del Libro di Torino diventa più “verde” grazie alla FIMA, la Federazione Italiana Media Ambientali che prenderà parte alla più importante manifestazione italiana nel campo dell’editoria (Lingotto Fiere, dal 10 al 14 maggio) con #LibriGreen, un programma di presentazioni di dieci volumi, dalla narrativa alla saggistica, dedicati all’ambiente e alla sostenibilità.

Mobilità, acqua, futuro green, sostenibilità della filiera editoriale: questi alcuni dei temi che saranno al centro degli incontri e dei dibattiti coordinati dalla FIMA, in collaborazione con l’Alleanza delle cooperative italiane di comunicazione, e che saranno affrontati grazie alla partecipazione di esperti provenienti dal mondo scientifico, associativo e della comunicazione ambientale.

“Il Salone Internazionale del Libro è una splendida opportunità per raccontare la sostenibilità e l’importanza della comunicazione ambientale”, dichiara Marco Fratoddi, segretario generale della FIMA. “Con #LibriGreen vogliamo sottolineare il ruolo fondamentale che i libri svolgono ancora oggi nella società, veicolando saperi e conoscenze attraverso l’esperienza di tanti magnifici scrittori che vivono nel nostro Paese”.


#LIBRIGREEN 2018: IL PROGRAMMA COMPLETO

Giovedì 10 Maggio ore 12.00 (Padiglione n. 3, S12 / T11)
Presentazione dell’iniziativa
Intervengono: Roberto Calari (Alleanza cooperative italiane di comunicazione); Pier Luigi Cavalchini (Fima Nord-Ovest); Marco Fratoddi (Segretario generale della Fima)

Conduce: Emanuela Celona (giornalista, Fima)

• Emanuele Bompan e Marirosa Iannelli, “Water grabbing” (Emi, 2018)
• Andrea Poggio (a cura di), “Green mobility” (Edizioni ambiente, 2018), interviene Maria Berrini (Istituto ambiente Italia)

Venerdì 11 Maggio ore 12.00 (Padiglione n. 3, S12 / T11)
Conduce: Giuseppe Iasparra (Eco dalle città e Quotidiano Piemontese, Fima)

• Roberto Cavallo, “La Bibbia dell’ecologia” (Elledici, 2018)
• Gunter Pauli, “Le favole di Gunter Pauli” (Edizioni ambiente, 2018), interviene Andrea Pavan (Cooperativa Erica, Fima)

Sabato 12 Maggio ore 12.00 (Padiglione n. 3, S12 / T11)
Conduce: Sabrina Mechella (Ideegreen, Fima)

• Valentina Cavanna, “Petra Kelly. Ripensare l’ecopacifismo” (Interno 4, 2017), interviene Marco Fratoddi (Weec network, Fima)
• Antonio Cianciullo, “Ecologia del desiderio” (Aboca edizioni, 2018)

Domenica 13 Maggio ore 12.00 (Padiglione n. 3, S12 / T11)
Conduce: Beppe Rovera (giornalista Rai, Fima)

• Stefano Martello e Biagio Oppi, “Disastri naturali: una comunicazione responsabile?” (Bononia University Press, 2017), interviene Sergio Vazzoler (Amapola, Fima)
• Tullio Berlenghi, “Storia del diritto ambientale” (Pe edizioni, 2018), interviene Pier Luigi Cavalchini (Cittafutura.al.it, Fima)

Lunedì 14 Maggio ore 12.00 (Padiglione n. 3, S12 / T11)
Conduce: Roberto Calari (Alleanza cooperative italiane di comunicazione)

• Giorgio Nebbia, “Erano andati a sciare” (Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro, 2018), interviene Mario Salomone
• Alessandro Hellmann, “Il fiume rubato. Il caso Acna e un secolo di resistenza contro la morte” (Les éditions Timbuctu, 2018), interviene Lucetta Paschetta (Legacoop Piemonte)

La Federazione Italiana Media Ambientali (FIMA) è stata fondata il 24 aprile 2013 durante il “Festival internazionale del giornalismo” di Perugia. Ha lo scopo di promuovere e migliorare la comunicazione ambientale, diffondere la cultura della sostenibilità, anche in collaborazione con analoghe organizzazioni di altri paesi, concorrendo in questa maniera alla tutela e valorizzazione dell’ambiente.

Ufficio stampa:
Press Play – Comunicazione e Pubbliche relazioni
Matteo Nardi | +39 333 5687925 | matteo@agenziapressplay.it

Sacchetti in bioplastica, una norma sacrosanta su cui il governo ha fatto confusione

Sacchetto bioplastica«Cittadini e consumatori non si devono far imbrogliare dai professionisti della disinformazione: la norma sui sacchetti è una misura giusta, che scoraggia l’abuso della plastica tradizionale, dannosa per l’ambiente». Questa la posizione della Fima, la Federazione Italiana Media Ambientali. Per il presidente dell’associazione dei giornalisti e comunicatori ambientali, Roberto Giovannini, la legge «aiuta a far emergere i costi finora occulti degli imballaggi dei prodotti alimentari e non, che da sempre le aziende hanno fatto pagare ai cittadini senza però mai dirlo apertamente».

Meglio allora impegnarsi quotidianamente «perché il packaging eccessivo e soprattutto inutile venga ridotto, alleggerendo i costi finali per i consumatori e il carico sull’ambiente. E naturalmente, è utile che le famiglie e i cittadini utilizzino sempre nel modo migliore i sacchetti di bioplastica, che essendo compostabili possono essere usati per raccogliere e avviare a raccolta differenziata i rifiuti umidi», dichiara il Presidente di Fima.

Tuttavia, secondo Giovannini, «la vicenda ha messo a nudo un enorme problema di comunicazione da parte del governo, dopo l’entrata in vigore della norma. Da un lato, tre ministeri (Ambiente, Salute e Sviluppo economico) che si contraddicono tra loro sull’interpretazione della legge per i riutilizzabili; dall’altro, la totale assenza di un piano di comunicazione e di informazione per accompagnare la riforma. Una scelta miope che ha gettato nella confusione imprese e consumatori, e dato spazio a sciocchezze e vere e proprie menzogne. Un errore da non ripetere in futuro», conclude il Presidente dei giornalisti ambientali.

FIMA NEWS | Green night e dintorni, la Fima a Ecomondo 2017

Social-Fima

Comunicazione ambientale e cibo locale: a Ecomondo torna la Green Night FIMA

L’associazione presente anche con un media corner e un seminario sulla comunicazione legata ai servizi ecosistemici

 Comunicato stampa n. 1 | 3 novembre 2017

 

Una cena-spettacolo dedicata alla cucina tipica e al vino di qualità che sarà anche un’occasione per riflettere sul valore del cibo tradizionale messo a rischio dai cambiamenti climatici: ad Ecomondo (Riminifiera 7-10 novembre) torna  la Green Night organizzata da FIMA – Federazione Italiana Media Ambientali presso il Rock Island di Rimini (Mercoledì 8 novembre, ore 21.00) che ospiterà l’attore e regista Marco Poli con il suo show “Vino Divino”.

Giovedì 9 novembre in programma allo spazio convegni di FIMA ad Ecomondo il seminario “Comunicare il valore economico della natura”, per favorire lo scambio di esperienze fra stakeholder di settore ed operatori della comunicazione.

Diffondere la cultura della sostenibilità attraverso la comunicazione, l’arte e il buon cibo: con questo scopo FIMA – Federazione Italiana Media Ambientali torna ad Ecomondo,  il principale evento fieristico nazionale sull’ambiente (Riminifiera, 7-10 novembre), con la tradizionale Green Night che si svolgerà al Rock Island, lo storico locale sul molo della cittadina romagnola (Largo Ruggero Boscovich).

 Sarà una cena-spettacolo, dedicata alla cucina tipica e al vino di qualità, grazie alla presenza dell’attore e regista Marco Poli che proporrà una versione del suo show “Vino Divino”: un viaggio divertente e poetico nel mondo del vino e un’occasione per riflettere sul valore del cibo tradizionale, messo a rischio dai cambiamenti climatici e dalle altre emergenze ambientali, con un linguaggio ironico, gustando prodotti locali e vino biologico.

I proventi della cena (costo 30 euro, comprensivo della quota di adesione in offerta speciale per Ecomondo) saranno devoluti alla Fima. I biglietti si possono prenotare entro le ore 18.00 del 7 novembre su info@fimaonline.it e saranno inviati via email oppure potranno essere ritirati durante Ecomondo presso l’area della Fima o lo stand di Petroltecnica (Pad c1 stand 200), la società riminese impegnata nel settore delle bonifiche che dà supporto organizzativo alla serata.

 FIMA sarà presente ad Ecomondo durante tutta la durata della fiera con un Media Corner (Padiglione D3) a disposizione dei soci per incontri, esposizione di materiali, eventi.

Presso lo spazio convegni di FIMA è in programma giovedì 9 novembre (ore 9.30) il seminario “Comunicare il valore economico della natura” con la presentazione dei progetti nazionali del Programma europeo Life+ che stanno misurando il valore dei servizi ecosistemici, tra economia reale e nuova occupazione. Lo scopo del seminario è favorire lo scontro e lo scambio di esperienze fra gli stakeholder di settore, fra questi e gli operatori della comunicazione per costruire uno “storytelling” che trasferisca al pubblico generalista temi, dati e informazioni di carattere tecnico-scientifico.

 “In un pianeta sconvolto dai cambiamenti climatici e dai disastri ambientali, è sempre più urgente che il mondo della comunicazione comprenda il grande ruolo di cui è investito”,  dichiara Roberto Giovannini, presidente FIMA. “Ecomondo è un’occasione unica in questo senso per riunire i comunicatori ambientali italiani ed internazionali dando loro l’occasione di confrontarsi e di non sentirsi soli in quella che è, a tutti gli effetti, una missione”.

 PROGRAMMA DEL SEMINARIO

 – Roberto Giovannini, responsabile di Tuttogreen-La Stampa, presidente Fima
L’economia della natura nel racconto della stampa quotidiana e del web

  – Marco Gisotti, giornalista e divulgatore, direttore scientifico Green Factor
Come raccontare il lavoro “verde” fra buone pratiche e un’economia in evoluzione

 – Claudio Marcianò, Università Mediterranea di Reggio Calabria
Il valore economico delle aree protette della Calabria attraverso i risultati del Progetto “PANLife”

 – Davide Marino, Università del Molise
Il valore economico delle aree protette in Italia attraverso i risultati del  progetto “LIFE+ Making Good Natura”

 – Stefano Martellos, Università degli studi di Trieste
La comunicazione scientifica sulla natura e la “citizen science” analizzati attraverso il progetto “CSMon-Life”

 – Giovanni Aramini, Dipartimento Ambiente Regione Calabria
Media, pubblica amministrazione ed economia della natura

 Sono previsti inoltre interventi del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, e della Regione Lombardia (progetto “Gestire”) e Umbria (progetto “SUNLife”)

 

Cos’è la FIMA – Federazione Italiana Media Ambientali
La Federazione Italiana Media Ambientali (FIMA) è stata fondata il 24 aprile 2013 durante il “Festival internazionale del giornalismo” di Perugia. Ha lo scopo di promuovere e migliorare la comunicazione ambientale, diffondere la cultura della sostenibilità, anche in collaborazione con analoghe organizzazioni di altri paesi, concorrendo in questa maniera alla tutela e valorizzazione dell’ambiente.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ufficio stampa:
Press Play – Comunicazione e Pubbliche relazioni

Matteo Nardi | +39 333 5687925 | matteo@agenziapressplay.it