Category: Rubriche

Scalamercalli, la nostra recensione alla prima puntata



di Pier Luigi Cavalchini

 

Questa seconda edizione di “ScalaMercalli” con Luca Mercalli a fare nuovamente da conduttore si apre con una puntata (in tutto sei) incentrata per intero sui “cambiamenti climatici” e su come si potrebbe  tentare un’inversione di tendenza. Le notizie che ci vengono fornite, documentate e di qualità, confermano una situazione drammatica per l’aumento delle temperature ( il 2015 appena passato è  al top delle misurazioni di sempre), con mari che s’innalzano, ghiacciai che si ritirano o, addirittura, si sciolgono frammisti al terreno come nella Siberia di oggi. L’apertura vera e propria è sull’accorato appello di Papa Francesco al Palazzo dell’Onu che ci ricorda, una volta ancora, la stretta dipendenza tra benessere fisico e mentale dell’umanità e la biosfera in cui si trova a vivere. I riferimenti alla recente enciclica “Laudato si’…” sono correttamente riportati e servono come buon viatico.

E proprio per raccomandarci una maggiore attenzione ai nostri comportamenti si presentano – nella stessa serata – due diversi modi di vivere la modernità, in una zona al limite del sopportabile, il deserto arabico. A poco più di cinquanta km di distanza si trovano a convivere due realtà diversissime, una a Dubai e l’altra a Masdar negli Emirati Arabi Uniti: il contrasto è stridente ma l’effetto “didattico” è assicurato. A Dubai city si continua a costruire, si favoriscono investimenti stranieri con “free zone”, facendo crescere in poco tempo un centro modernissimo con tanto di  skyline all’americana (molti grattacieli, megasupermercati, strade a otto corsie) e – come da aspettative –  con un consumo energetico pro capite di 15mila kWh, il doppio dell’industriosa Olanda. Invece a Masdar, negli Eau, si è cercato di intervenire sulla dislocazione degli edifici, facendo attenzione al loro orientamento, al tipo di coperture e alle inclinazioni (mai con superfici in sole pieno) in modo da economizzare sull’aria condizionata e puntando sulle energie rinnovabili in tutte le eventualità possibili. Un complesso, quello di Masdar, poco conosciuto, che ci racconta una società capace di guardare oltre l’attuale abbondanza di petrolio, riservando i prodotti da fonti fossili all’esportazione, con conseguente utilizzo ragionato di rinnovabili. È proprio qui una delle più grandi centrali solari termiche del mondo con performance rilevanti. Si tratta, infatti, di un impianto da 100 MW complessivi e da 210 GWh elettrici erogati ogni anno. Un bell’esempio di maturità che viene da un territorio, quello della penisola arabica, che solitamente sottovalutiamo.

Veloci, come di consuetudine, i passaggi tra argomenti anche se il “fil rouge” è facilmente riconoscibile. Sono, infatti, ben quattro – in stretta sequenza – gli scenari che riprendono il tema degli effetti del riscaldamento globale: la condizione del ghiacciaio Chardonnay del Gran Paradiso, il pericoloso scioglimento del “permafrost” siberiano, l’ingrossamento di flussi d’acqua nelle Grotte di Bossea presso Cuneo e l’altrettanto imprevedibile aumento  dell’Oceano Pacifico in Polinesia. Nel primo caso è il nostro Luca ad andare in due diversi momenti sul Gran Paradiso per verificare di persona quanto si sia assottigliato il ghiaccio e di quanto sia arretrato il fronte del ghiacciaio. Le constatazioni sono realizzate in pieno luglio e a settembre dello scorso anno e i dati sono drammatici: l’arretramento della linea di partenza del ghiacciaio è di una trentina di metri e il suo assottigliamento raggiunge i due metri in media. Prossimo annuncio di una trasformazione in pietraia, com’è successo in molti altri casi.

Sono invece scienziati, esperti e semplici cittadini della lontana Jakutia a presentarci un fenomeno recente (esclusivo di questi ultimi vent’anni) che interessa quella particolare area dell’emisfero boreale, definita appunto “permafrost”, letteralmente “terra ghiacciata”. E proprio dal progressivo scioglimento di questo particolare sostrato derivano innumerevoli problemi: dalla liberazione di bolle di gas metano e anidride carbonica, con conseguente aumento dei “gas serra” globali, alla creazione di voragini ed erosioni che vanno ad intaccare aree estesissime in parte di foreste e coltivazioni, in parte di centri abitati, con conseguenti crolli e smottamenti. Siamo nel bacino del grande fiume Lena nell’estremo nord est della Russia, quasi di fronte all’Alaska, terra di ritrovamenti di mammut conservati proprio dal “permafrost” e di cunicoli scavati ai tempi dei gulag staliniani. Ora, questi ultimi, sono confortevoli ghiacciaie collettive per il cibo, così come il particolare ambiente della tundra siberiana è stato trasformato dall’ingegno e l’industriosità di queste popolazioni che non gradirebbero un abbandono di massa di quelle terre.

Un esito simile, con aumento delle quantità d’acqua in scorrimento “carsico”, si trova nell’intricato sistema che caratterizza le Grotte di Bossea. Qui è visibilissimo l’incremento in volumi e continuità di afflusso delle acque che scendendo dalle montagne del cuneese vanno poi a perdersi nella pianura. Il segnale di allarme viene da un vertiginoso aumento dello scioglimento delle nevi (quasi) perenni che, oltre a cambiare l’aspetto interno delle Grotte, alla lunga porterà variazioni di rilievo nei livelli dei fiumi a valle. Un altro campanello è il netto ma inesorabile rialzo del livello medio dell’Oceano Pacifico che, specie in alcune isole dell’arcipelago delle Fiji, arriva a mezzo centimetro in più ogni anno. Sembra poco, ma non è così per chi si trova fenomeni di rigurgito di acqua marina nei campi coltivati (con terreni a volte di soli tre metri sopra il livello del mare) e con fenomeni atmosferici, come tifoni o mareggiate, in continuo aumento, dovuti soprattutto al riscaldamento superficiale delle acque. È Patrick Nunn , oceanologo dell’Università del Pacifico-Sud, a spiegarci (insieme a molti altri esperti e amministratori delle isole) nel dettaglio motivazioni, caratteristiche ed effetti dei nuovi fenomeni che hanno avuto una forte eco anche nella recente conferenza Cop21 sul clima di Parigi.  

Riguardo a questo appuntamento è proprio uno dei massimi rappresentanti internazionali dell’Ipcc (il panel dell’Onu sul clima), Carlo Carrara, a ricordarci quali siano stati i molti aspetti positivi. Il professore, che insegna Economia ambientale alla Ca’ Foscari di Venezia, ha messo in luce la globalità dell’approccio della Cop21, il suo valore – per certi aspetti – vincolante e, finalmente, la possibilità di avere quantità consistenti di denaro a disposizione per investimenti mirati a “restare entro un grado e mezzo di aumento eventuale entro la fine del secolo”. Con la non remota eventualità di abbassare nettamente, entro il 2080, il dato delle 400 ppm di anidride carbonica presenti in atmosfera. L’obiettivo sarebbe quello di arrivare a numeri compatibili con una migliore  qualità di vita (il dato del 1958, attestato da Revelle e altri, era per esempio di 310 ppm) ben sapendo che le esigenze dei vari Stati partecipanti sono assai differenti e a volte inconciliabili. Il tono del rappresentante dell’Ipcc, pur non improntato ad ottimismo a tutti i costi, è stato comunque credibile nei dati forniti e realistico nelle  ipotesi di realizzazione così come richiesto da questa complessa fase di passaggio.

Ha chiuso le due ore, letteralmente volate tra filmati, interviste e grafici, un’altra nostra vecchia (e gradita) conoscenza: Roberto Cavallo, qui in veste di esperto sul trattamento dei rifiuti.  Per l’occasione ci si sposta con il “rifiutologo” nel salernitano, per l’esattezza in una una grande azienda di ritiro, trattamento, riciclo e rigenerazione di carta lungo la media valle del Sele.  Le immagini, anche qui dettagliate e precise, ci presentano l’arrivo di  un camion pieno di carta, cartone e derivati.  Se ne vedono anche le impurità all’interno ma, senza particolari problemi, si procede nelle varie fasi di rigenerazione e produzione ex novo. Il risultato è ottimo: si ottengono grandi rotoli da dieci quintali di buona carta pronta all’uso, si dimostra che “riciclare conviene” e che “non è affatto vero che va tutto insieme in discarica”. Anzi, proprio dalla Campania viene un segnale di modernità, attenzione, all’ambiente, capacità industriale al passo delle migliori tecnologie e, soprattutto, di etica comportamentale.

Il miglior “viatico”, riprendendo  lo spirito ecumenico da cui siamo partiti, per le prossime puntate.

Avatar di Pier Luigi Cavalchini

Bio Pier Luigi Cavalchini

Attivista in diverse associazioni di volontariato sociale e ambientale come Pro Natura Piemonte, Docenti senza frontiere, Verso il Kurdistan, ha seguito la parabola del movimento verde italiano in compagnia di personalità del calibro di Gianni Mattioli, Massimo Scalia e Pasquale Cavaliere. Presidente, tra il 2000 e il 2006  di uno degli enti parco fluviali del Piemonte, giornalista pubblicista dal 1999, è decente di italiano e latino nei licei.

L’informazione ambientale al bivio della Cop21


di Sergio Ferraris

Lo tsunami tecnologico che ha investito l’editoria scuote anche il mondo dell’informazione ambientale che in Italia appare impreparata, al pari di quella generalista. In altri Paesi gli editori storici attuano mutamenti profondi, sia nel processo editoriale, sia nei modelli di business, sperimentando a tutto tondo. Si pensi, per esempio, al New York Times che ha unificato la redazione, superando il dualismo stampa/online: la scelta tra pubblicazione su web o cartacea viene fatta dopo la realizzazione dei contenuti e non prima, come avviene, ancora, in molte redazioni. In Italia le sperimentazioni sono ancora agli inizi, ma qualcosa si sta muovendo. Nelle ultime settimane, infatti, Valigia Blu, il blog collettivo no-profit creato da Arianna Ciccone, cofondatrice e direttrice del Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia, ha sviluppato una serie d’inchieste su temi di carattere sociale e ambientale, nelle quali si trovano elementi d’innovazione editoriale quali infografiche, data journalism e collaborazione tramite i social.

E l’esperienza di Valigia Blu sta “contaminando” in maniera positiva anche una parte dell’editoria tradizionale, visto che i pezzi appaiono anche sulle edizioni online dei quotidiani locali del gruppo Espresso, grazie a una partnership. La cosa è positiva perché sia i contenuti ambientali, sia l’innovazione editoriale stanno, finalmente, passando a piccoli passi anche ai media mainstream. E se l’esperienza di Valigia Blu è apprezzabile e positiva, nell’ambito dell’informazione ambientale viene da chiedersi come mai un fenomeno come questo non sia arrivato dagli “specialisti di settore” che da anni lavorano sull’ambiente. E c’è da dire che dati, esperti e occasioni – noi che ci occupiamo d’informazione ambientale, ed energetica – ne avremmo, e pure parecchi.

Ma ciò che manca oggi all’informazione ambientale è la riflessione sul cambiamento in atto nel giornalismo, sulle tecnologie innovative, sull’esplosione dell’universo social e sulle nuove esigenze dei lettori. È passata parecchia acqua sotto i ponti da quando a un giornalista che si occupava d’ambiente era sufficiente una buona rete d’esperti e una serie di documenti – all’epoca cartacei e quindi poco diffusi – per fare dell’ottima informazione ambientale.

Oggi le fonti primarie sono disponibili a tutti, contattare esperti a livello internazionale non è più un problema, reperire fonti sul campo tramite i social è possibile con facilità; ecco quindi che il background primario dell’informazione ambientale diventa accessibile a chiunque voglia affrontare l’argomento. E ora l’informazione ambientale ha due possibilità: estinguersi nella sua specificità o fare un salto di qualità. La seconda ipotesi richiede d’imparare, da parte nostra, a usare l’innovazione editoriale imposta dalla rete per raggiungere una maggiore qualità informativa, attraverso la “materializzazione” giornalistica dei contesti di riferimento, pensiamo alla geopolitica del petrolio per esempio, imparando a declinare i nostri contenuti in maniera social, “contaminando” così il lavoro giornalistico.

E il test di ciò avverrà il 13 dicembre quando, alla fine della Cop 21, ci sarà un generalizzato plauso a una strategia di riduzione delle emissioni climalteranti, in realtà inesistente. Dati, esperti, accessi agli scenari futuri, effetti locali del clima, risvolti sociali, saranno tutti disponibili in rete. E si potrà decidere se fare copia&incolla dei comunicati stampa governativi, o approfondire con inchieste puntuali il post Cop 21. La posta in gioco sono “solo” i cambiamenti climatici, un fronte sul quale l’informazione potrebbe fare la differenza.

Semiotica di Gaia

Il testo che segue è una revisione dell’intervento presentato il 9 luglio 2015 durante la conferenza-performance “Voci della Terra”, con inserti di danza contemporanea, musica e creazioni visive, organizzata da “La Mama Umbria” nell’ambito del Festival di Spoleto. 

di Marco Fratoddi, segretario generale della Fima  e direttore de La Nuova Ecologia

Quello che stiamo attraversando è un anno speciale per la Terra e quest’omaggio d’arte che state rivolgendo al Pianeta, l’unico che abbiamo, mi sembra particolarmente significativo anche per il momento in cui si realizza. È speciale, questo travagliato 2015, non soltanto perché sarà probabilmente l’anno più caldo da quando si misurano le temperature e l’afa che incombe da qualche settimana sull’Italia lo conferma. Può essere un anno memorabile anche perché contiene, speriamo, la soluzione – o una parte di essa – ai problemi che attanagliano la nostra casa comune, come cercherò di spiegare più avanti.

Gli effetti del clima che cambia, con i fenomeni meteorologici estremi che ne conseguono, del resto sono ormai sempre più frequenti anche alle nostre latitudini. Rappresentano delle vere e proprie manifestazioni discorsive di una struttura fondamentale che perde il proprio equilibrio – utilizziamo le categorie della semiotica per indagare nei processi di significazione del Pianeta – e ne cerca uno nuovo. È questa, per riprendere il titolo dell’evento cui stiamo partecipando, la “voce della Terra”. Ed è una voce ormai inequivocabile, il lamento di Gaia, l’organismo vivente di cui anche noi siamo parte, secondo la visione che suggerì alla fine degli anni Settanta il filosofo inglese James Lovelock. Basti pensare ai violenti nubifragi che si abbattono ormai sistematicamente anche sui nostri territori, lo scorso anno – per rimanere all’Italia – ne hanno pagato le peggiori conseguenze la Sardegna e il Gargano ma in Cile, in India, in Cina, in Bosnia o in moltissime altre regioni del mondo i segnali dello squilibrio durante gli ultimi dodici mesi non sono mancati. È invalsa anche un’espressione, si parla sui media di “bombe d’acqua” – un neologismo del climate change – per indicare le piogge torrenziali che mettono in ginocchio i centri urbani: l’ultima della lista, ormai impossibile da tenere, è quella che ha investito ieri la cittadina di Mira, in provincia di Venezia, di cui i video immediatamente rilanciati dai testimoni su Youtube forniscono drammatica conferma. Perché esiste anche una spettacolarità della fenomenologia climatica estrema, in qualche modo una fatale attrazione verso la furia degli elementi, rivelatoria di una potenza della natura che ci spaventa ma che allo stesso tempo ci attrae, forse per qualche bisogno ancestrale di catarsi e di ricongiungimento con la biosfera anche nella sua dimensione più temibile. E ancora, mentre l’Europa boccheggia nel caldo, la neve fuori stagione che assedia la Siberia più di quanto non sia lecito aspettarsi anche a latitudini cosi settentrionali, dove la colonnina di mercurio a luglio si attesta di solito intorno ai 13 gradi. Il cambiamento climatico, infatti, non si evidenzia soltanto nell’escalation della temperatura. Lo chiamiamo global warming, riscaldamento globale, ma comprende conseguenze eccentriche come l’incremento, appunto, delle precipitazioni rovinose, le prolungate siccità che provocano l’inaridimento dei suoli e più in generale l’anomalia nel rapporto fra le diverse celle della troposfera.

L'onda lunga di Katrina

Il volume di ricerca su Google intorno all’espressione “Global warming” (elaborazione dell’autore)

Ma qual è la responsabilità dei narratori, a prescindere dal linguaggio che praticano, sia che si tratti di arti visive, di azioni corporee o esposizioni verbali – perché pur sempre di narrazioni si tratta a prescindere dalle sostanze dell’espressione che si utilizzano – al cospetto di questi fenomeni? Nel 2005, era la fine di agosto, come ricorderete un rovinoso uragano si è abbattuto su New Orleans, in Louisiana, rivelando all’opinione pubblica americana e conseguentemente a quella globale la consistenza del global warming. La Terra, viene da dire, in quella circostanza ha parlato meglio degli ambientalisti che da oltre trent’anni, vale a dire dalla presentazione del rapporto The limits of growth (“I limiti della crescita”) commissionato dal Club di Roma al Mit, predicavano la necessità di andare oltre il modello economico che guardava – e guarda ancora – allo sfruttamento incondizionato delle risorse ambientali. Il ciclone più rovinoso nella storia degli Usa, con quasi duemila vittime e danni per 81 miliardi di dollari, celebrava così l’inizio di quella che possiamo identificare come la “stagione aurea” della notizia ambientale per eccellenza, che è la notizia sul clima. Sdoganando la questione climatica nel mainstream e catalizzando, come fosse un enzima, l’interesse da parte dell’opinione pubblica mondiale verso un argomento percepito ormai come cruciale per i destini della collettività. Lo certifica la crescita, da quel momento in poi, del volume di ricerca su Google (basta utilizzare il servizio Trend del motore di ricerca per rendersene conto) da parte degli utenti globali intorno alla coppia semantica “global warming” e alle altre espressioni correlate che corrono parallele alle occorrenze degli stessi termini nella partizione News, dove s’indicizzano i contenuti delle fonti giornalistiche. Il clima, lo evidenziano anche le prime pagine dei quotidiani dell’epoca, aveva finalmente aperto una breccia nei media a larga diffusione. E i picchi d’interesse, descritti dai grafici scaricabili on-line, avrebbero via via trovato corrispondenza con altri fatti di cronaca ambientale come l’uscita nel febbraio 2007 del quarto rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (Ipcc) dell’Onu, la presentazione pochi mesi prima della review prodotta dall’autorevole economista Nicolas Stern, su richiesta del governo inglese, circa le conseguenze sul Pil del global warming (pari al 5% del consumo pro-capite durante i prossimi duecento anni ma la percentuale sale al 20 se si considerano anche i danni non di mercato, come quelli per la salute umana, un’incidenza negativa eliminabile tramite un investimento in innovazione pari all’1%). E ancora: l’assegnazione nel 2007 del Nobel per la pace allo stesso Ipcc e ad Al Gore, l’ex vice-presidente degli Stati Uniti che nel 2006 aveva debuttato al cinema con il celebre documentario ispirato alle sue orazioni catastrofiste. Infine, nel dicembre del 2009, la quindicesima Conferenza delle parti (Cop) convocata dall’Onu a Copenhagen, verso la quale si riponeva la speranza che un nuovo protocollo per il clima, sostitutivo di quello redatto nel ’97 a Kyoto e ormai in scadenza, giungesse a compimento. La retorica prevalente nella narrazione di quel periodo, concluso appunto dal flop del summit internazionale, fu quella dell’apocalisse climatica incombente sull’umanità, del rischio globale confermato dalle evidenze dei fenomeni meteorologici estremi, segnatamente da un’iconografia (basti pensare all’orso bianco alla deriva sulla copertina del Time nell’aprile del 2006) che esponeva gli effetti – non le cause e tantomeno i rimedi – degli squilibri climatici. Proprio Al Gore, con il suo An inconvenient truth (“Una scomoda verità”) premiato sempre nel 2007 anche a Cannes, rimane il principale artefice di questa retorica rivelatoria cui faceva da contraltare il fronte negazionista guidato dall’ecologista “pentito” Bjørn Lomborg, autore già nel 2001 del discusso (e discutibile) best seller L’ambientalista scettico.

Al Gore durante una delle sue conferenze

È sufficiente oggi questa strategia centrata sullo scuotimento emotivo, in qualche modo sull’evocazione di una nuova minaccia globale dopo l’Aids e le altre pandemie che periodicamente emergono sui media, il terrorismo internazionale o la stessa crisi economica che fece significativamente seguito proprio a questa fase, per favorire il cambiamento e coinvolgere l’opinione pubblica in un processo virtuoso di rimodellamento delle politiche, delle scelte individuali, dei processi d’impresa? Molti indicatori, a partire da quelli messi a fuoco dall’Ippr, un istituto inglese che nel 2006 aveva realizzato una ricerca (Warm words, letteralmente “Parole calde”) sul trattamento della notizia climatica da parte dei media, fanno pensare di no. Perché l’incubo del clima che cambia, suggellato nell’immaginario collettivo dal film The day after tomorrow, uscito un anno prima della catastrofe di Katrina, è stato utile probabilmente in una prima fase per consolidare l’avvento della questione climatica nel discorso pubblico, per rompere il “muro di gomma” della stampa conservatrice e più in generale l’inerzia che caratterizza, come dimostrano gli studi di psicologia sociale, la presa di coscienza dei problemi da parte della nostra specie. Sul lungo periodo però, era la conclusione dell’Ippr, rischia di produrre rigetto da parte delle persone comuni, seminando la convinzione che a fronte di un dibattito polare, quello fra catastrofisti e negazionisti, il problema si possa ignorare e “confinare” nella sfera degli esperti.

Ci sembra perciò che questo approccio, perché la narrazione ecologista sia davvero utile al cambiamento, meriti di essere integrato con una narrazione di segno diverso, scientificamente rigorosa ma allo stesso tempo motivante, che vada oltre l’esposizione della catastrofe e metta a tema le soluzioni, in qualche modo le opportunità che si celano dietro il bisogno di evolverci verso l’economia low carbon. Dove un modello energetico di nuova concezione, centrato sull’efficienza e le rinnovabili, si componga con una metamorfosi civica che guardi alla condivisione, al contenimento degli sprechi, alla mobilità dolce che riduce per di più l’inquinamento su scala locale, al recupero di materia dopo la raccolta puntuale, alle diete ricche di fibre vegetali che salvaguardano la salute e implicano un minor impatto, anch’esso locale e globale, degli allevamenti.

Ma il 2015, dicevamo all’inizio, sarà un anno speciale per la Terra non soltanto perché i fenomeni del cambiamento climatico si manifestano con particolare evidenza. L’auspicio è che lo diventi perché sarà possibile compiere un passo importante verso la soluzione dei problemi che l’Ipcc ha ripetutamente evidenziato, descrivendo scenari più o meno severi a seconda delle politiche di mitigazione messe in atto dai governi. Fra 144 giorni, il 30 novembre, comincia infatti a Parigi una conferenza d’importanza cruciale per la comunità umana. È la Cop21, convocata di nuovo con l’esplicito compito, dopo quelle interlocutorie degli ultimi anni, di varare un protocollo internazionale per il clima che sostituisca quello di Kyoto, prorogato nel frattempo al 2020. L’obiettivo (unico riferimento concreto che scaturì sei anni fa dal vertice di Copenhagen) è quello di stabilizzare da qui al 2100 l’incremento della temperatura globale entro i due gradi centigradi rispetto ai livelli preindustriali, soglia oltre la quale le conseguenze potrebbero diventare irreversibili. Come? Abbattendo le emissioni mondiali di CO2, il principale gas climalterante, fra il 40 e il 70% entro il 2050 e azzerandole nella seconda metà del secolo. Esiste, è vero, un respiro della Terra, oltre che una sua voce, ovvero la capacità delle specie vegetali di assorbire durante la stagione calda le emissioni attraverso la fotosintesi: i grafici prodotti dagli osservatori sul tenore di CO2 mostrano infatti delle oscillazioni annuali, corrispondenti ai periodi d’incorporamento e restituzione del gas nei due emisferi. La concentrazione complessiva del gas climalterante però un anno dopo l’altro cresce e la causa, come ha certificato sempre l’Ipcc, deriva con ogni certezza dalle attività umane, in particolare dalla produzione di elettricità da fonti fossili, dal sistema dei trasporti ma anche dal settore agricolo e zootecnico che provoca la deforestazione nelle zone temperate, l’immissione in atmosfera di protossido d’azoto derivante dall’utilizzo massiccio di fertilizzanti, la produzione di metano, fra i più potenti gas-serra, durante i processi digestivi del bestiame. Per capirci: prima che la nostra specie cominciasse a sfruttare in maniera indiscriminata le fonti fossili, durante la rivoluzione industriale avviata nella seconda metà dell’Ottocento, varando per di più un sistema agroalimentare intensivo, la concentrazione di CO2 in atmosfera era di 280 parti per milione (ppm). Nel marzo di quest’anno invece, secondo la “National Oceanic & Atmospheric Administration”, l’agenzia statunitense che si occupa di meteorologia, sono state superate per la prima volta le 400 ppm. Il livello di guardia, perché le radiazioni infrarosse non permangano all’interno dell’atmosfera, innescando i fattori antropici del riscaldamento, è di 350 ppm. Occorre perciò molta disciplina durante i prossimi decenni per invertire la rotta e nel frattempo adattarsi, nel segno della resilienza, agli sconvolgimenti climatici in atto. Eppure non rappresenta questa una bella scommessa per il progresso?

La concentrazione di CO2

La concentrazione di CO2, fonte: Noaa

È un semestre cruciale, insomma, quello che abbiamo di fronte. Siamo con ogni probabilità all’inizio di una stagione nuovamente aurea per la notizia ambientale e l’enciclica “verde” di papa Bergoglio ha segnato l’avvio, lo capiremo in futuro, di un intervallo ad elevata notiziabilità per le problematiche globali. Vediamo di sfruttare meglio il momento di quanto non sia accaduto nel 2009, ricordando – com’è doveroso fare – i rischi cui sta andando incontro l’umanità. Ma esprimendo allo stesso tempo storie utili a costruire un futuro diverso, a rendere credibile e desiderabile la riconversione ecologica (è il lessico di Alex Langer, fra i padri del pensiero ecologista, di cui ricorre in questi giorni il ventennale della scomparsa), a condividere con le maggioranze la praticabilità di un’economia finalmente libera dal petrolio. Ecco, perché il nostro modello economico si evolva bisogna che anche il giornalismo si metta in discussione, a partire dal servizio pubblico che trascura questi argomenti, come il resto della stampa generalista, finché non diventano emergenza. E gli esponenti dell’informazione specialistica, che attraverso la “Federazione italiana dei media ambientali” abbiamo associato, sono in campo per svolgere, con coraggio e originalità, questa funzione.


Spoleto, 9 luglio 2015

Ringrazio Veronica Caciagli per la preziosa rilettura